stemma della regione
      Regione Piemonte
Accedi ai servizi
logo del comune
Comune di La Loggia
Stai navigando in : Aree tematiche > Tributi e Finanze
Tributi e Finanze
Contratto di locazione a canone concordato

In data 26 febbraio 2019 è stato  firmato  l’accordo che definisce le linee guida e le modalità di calcolo dei contratti convenzionati per la locazione di immobili  ad uso abitativo.  L’accordo ha data di validità a partire dalla sottoscrizione.

Hanno siglato il documento il Comune di La Loggia  insieme ai sindacati di proprietari e inquilini:
  • APE CONFEDILIZIA Torino
  • UPPI
  • CONFABITARE
  • CONFAPPI
  • ASPPI 
  • SICET
  • SUNIA
  • UNIAT
  • ANIAT/CONIA 
  • UNIONE INQUILINI 


ALIQUOTA IMU AGEVOLATA:
Per usufruire delle agevolazioni previste in relazione ai contratti di locazione a canone convenzionato, il contribuente è obbligato a darne comunicazione scritta all’ufficio Tributi, allegando l’attestazione di congruità (allegato 8 all'accordo sottoscritto)  vidimata da una delle Associazioni di categoria firmatarie dell’accordo 
La comunicazione deve pervenire  entro la data di scadenza del versamento del saldo del primo anno di riferimento.
Per gli anni successivi, per tutta la durata del contratto, salvo che non cambino le condizioni, non è necessario presentare una nuova comunicazione.

Per informazioni: Servizio Tributi tel. 011-9629566

Documenti allegati:
Modello agevolazione IMU
Attestazione di congruità (allegato 8 all'accordo sottoscritto)
Aliquote 2019
Delibera GC n. 33/2019
Accordo territoriale
Allegato n. 1 - Tabella valori minimi e massimi del canone di locazione
Allegato n. 2 - Tabella valori minimi e massimi del canone di locazione
Allegato n. 3 - Locazione abitativa agevolata
Allegato n. 4 - Locazione abitativa per studenti universitari
Allegato n. 5 - Locazione abitativa di natura transitoria
Allegato n. 6 - Locazione abitativa di natura transitoria
Allegato n. 7 - Locazione abitativa parziale di natura transitoria studenti
Allegato n. 8 - Attestazione di congruità
Allegato n. 9 - Allegato D al decreto 16.1.2017 Ministero Infrastrutture e Trasporti


Dati catastali on-line. Servizio offerto dall'Agenzia del Territorio

L'Agenzia del Territorio rende noto, con un comunicato stampa, che a partire dal 1°giugno 2007 è attivo il servizio telematico di ricerca attraverso il quale è possibile ottenere informazioni relative ai beni immobili situati sul territorio nazionale (escluse le province autonome di Trento e Bolzano), indicando il codice fiscale di un soggetto che sia presente come intestatario nella banca dati catastale oltre alla provincia e al comune catastale dove si vuole eseguire la ricerca.

Il nuovo servizio si aggiunge a quello già disponibile dallo scorso 10 maggio, che consente di consultare, attraverso il sito Internet dell’Agenzia del Territorio, direttamente e gratuitamente, le informazioni catastali relative al classamento e alla rendita degli immobili, indicando esclusivamente gli estremi di identificazione catastale (foglio, particella e subalterno).

Come funziona la ricerca - La consultazione per codice fiscale dell’intestatario è possibile sia dal sito Internet dell’Agenzia del Territorio (dalla pagina Servizi per i cittadini>Dati catastali on line) che da quella dell’Agenzia delle Entrate (dalla pagina Servizi >Servizi catastali). La ricerca, limitata per il momento alle sole persone fisiche, prevede una procedura di riconoscimento dell’utente attraverso il sistema di autenticazione per i servizi telematici predisposto dall’Agenzia delle Entrate. In pratica, effettuata la registrazione si accede al servizio indicando il codice PIN assegnato.

Dati disponibili on line - Il servizio fornisce informazioni che riguardano:gli elementi anagrafici del soggetto intestatario dell’immobile; gli identificativi catastali degli immobili intestati al soggetto; i dati relativi alla titolarità ed alla relativa quota di diritto; la rendita catastale e l’ubicazione per gli immobili censiti nel catasto dei fabbricati; i redditi dominicale e agrario per gli immobili censiti al catasto terreni.

I dati rilasciati sono relativi esclusivamente ad atti catastali informatizzati e a beni immobili per i quali il codice fiscale utilizzato per la ricerca corrisponda a quello dell’intestatario registrato negli archivi catastali.

Nel caso in cui vengano riscontrate incongruenze o errori nelle informazioni presenti negli archivi catastali è possibile rivolgersi al Contact Center dell’agenzia del Territorio, che consente di presentare via Web, per alcune tipologie di errore previste, richieste di rettifica dei dati catastali, oppure agli Uffici Provinciali dell’Agenzia del Territorio per richiedere informazioni e chiarimenti sulle modalità da seguire per l’eventuale richiesta di rettifica o correzione dei dati catastali e sulla documentazione necessaria. 

Maggiori chiarimenti sul servizio e sui termini tecnici sono contenuti nella pagina informativa dell'Agenzia delle Entrate

Per informazioni: Servizio Finanziario e Tributi

Documenti allegati:
Comunicato stampa


Link:


Tassa (T.O.S.A.P.) autorizzazioni PERMANENTI e TEMPORANEE

TASSA (T.O.S.A.P.) - AUTORIZZAZIONI PERMANENTI e TEMPORANEE

Presupposto dell'imposta
Sono soggette alla tassa comunale per l'occupazione degli spazi ed aree pubbliche, ai sensi del Capo II del D. Lgs. 15.11.1993, n. 507, le occupazioni di qualsiasi natura effettuate, anche senza titolo, nelle strade, nei corsi, nelle piazze e, comunque, sui beni appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile del Comune.

Sono parimenti soggette alla tassa le occupazioni di spazi soprastanti il suolo pubblico, con esclusione dei balconi, verande, bow-windows e simili infissi di carattere stabile, nonché le occupazioni sottostanti il medesimo suolo, comprese quelle poste in essere con condutture ed impianti di servizi pubblici gestiti in regime di concessione amministrativa.

Sono inoltre soggette alla tassa le occupazioni realizzate su tratti di aree private sulle quali risulta costituita nei modi e nei termini di legge, la servitù di pubblico passaggio.

Le occupazioni si dividono in due categorie: PERMANENTI e TEMPORANEE.

La tassa è graduata a seconda dell'importanza dell'area sulla quale insiste l'occupazione.

A tale effetto, le strade, gli spazi e le altre aree pubbliche del Comune di La Loggia sono classificate come segue:

Strade, spazi ed aree pubbliche di 1° categoria:
Via L. Bistolfi - Via E. Belli - Viale Martiri della Libertà - Piazze Comunali.
Strade, spazi ed aree pubbliche di 2° categoria:
il restante territorio.

TARIFFE (vedi allegato) della tassa per l'occupazione permanente o temporanea degli spazi ed aree pubbliche. Approvate con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17 dell'11.4.2007 e s.m.i. - Confermate per l'anno 2018 con deliberazione della G.C. n. 1 dell'11.1.2018.

Con deliberazione della G.C. n. 1/2018 viene, altresì, stabilito che in occasione delle manifestazioni fieristiche, la tariffa è da applicarsi in relazione alla metratura della piazzola assegnata seguendo le caratteristiche dell’espositore (art. 16 del Regolamento della Fiera dello Zucchino e planimetria dei posteggi). In particolare:
a) se si tratta di titolari di autorizzazione al commercio su aree pubbliche (ambulante), si prevede l’assegnazione di una piazzola di dimensioni minime di circa 7 metri x 4.
b) se si tratta di imprese in genere  o hobbisti si prevede l’assegnazione di uno spazio minimo pari a 4 mq  indipendentemente dalla dimensione richiesta dal partecipante alla fiera. 


Modalità di applicazione e riscossione dell'imposta
La tassa è commisurata alla superficie occupata, espressa in metri quadrati o in metri lineari.

Il servizio per l'accertamento e la riscossione dell'imposta comunale sulla pubblicità è gestito in concessione dalla ditta MAGGIOLI Tributi s.p.a., con sede dell'ufficio periferico in Via G. Leopardi n. 11, CARMAGNOLA - TO - Tel. 0119716353 - Fax 0119720908 -.

Per conoscere la disciplina delle maggiorazioni e riduzioni previste in maniera fissa dalla legge, consultare il Decreto Legislativo 15.11.1993, n. 507 ed il regolamento per l'applicazione della tassa occupazione spazi ed aree pubbliche, entrambi a disposizione del pubblico presso l'ufficio Tributi.

Definizione agevolata ingiunzioni di pagamento
Il  Comune di La Loggia ha adottato, con atto n. 6 in data 2.2.2017,  il Regolamento per la definizione agevolata delle ingiunzioni di pagamento relative a: ICI, TOSAP, ICP, SANZIONI Codice della Strada, emesse dal 2006 al 2016. In allegato "Modulo dichiarazione di adesione alla definizione agevolata".


Documenti allegati:
TARIFFE della tassa per l'occupazione permanente o temporanea degli spazi ed aree pubbliche
Regolamento per l'applicazione della TOSAP
Modulo dichiarazione di adesione alla definizione agevolata


Link:


Fatturazione elettronica

L’obbligo della fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione è stato introdotto dall’articolo 1, commi 209-214, della Legge 244/2007 e disciplinato dal Regolamento adottato con Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze n. 55 del 3 aprile 2013. L’obbligo comporta che “l’emissione, la trasmissione, la conservazione l’archiviazione delle fatture emesse nei rapporti con le amministrazioni pubbliche anche sotto forma di nota, conto, parcella e simili, deve essere effettuata esclusivamente in forma elettronica”.

Dal 31 marzo 2015 tale obbligo riguarda anche il Comune di La Loggia (art. 25 comma 1 D.L. 66/2014); pertanto, a decorrere da tale data, ogni fornitore dovrà produrre, nei confronti dell’Ente, esclusivamente fatture elettroniche, nel rispetto delle specifiche regole tecniche reperibili sul sito http://www.fatturapa.gov.it/

Attualmente per il Comune di La Loggia è stato individuato un unico ufficio incaricato per la ricezione delle fatture elettroniche, denominato "Servizio Finanziario e Tributi”, al quale l’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA) ha attribuito il codice univoco: 1VCAVC  che dovrà essere utilizzato per ogni fatturazione elettronica inviata al Sistema di Interscambio (SdI).

Per informazioni: Servizio Finanziario e Tributi

Documenti allegati:
Avviso per i fornitori


IRPEF Comunale

ALIQUOTE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF PER L'ANNO 2020
Confermate con deliberazione del Consiglio Comunale n. 38 del 21.12.2019

Fascia di applicazione Aliquota
da 0 a 15.000,00 euro 0,35%
da 15.001,00 a 28.000,00 euro 0,50%
da 28.001,00 a 55.000,00 euro 0,70%
da 55.001,00 a 75.000,00 euro 0,78%
oltre 75.000,00 euro 0,80%
 
Confermata la soglia di esenzione per i redditi fino a euro 15.000,99 di imponibile IRPEF, pertanto fino a concorrenza di tale importo non è dovuta l’addizionale comunale, mentre i redditi che superano tale importo sono interamente assoggettati ad imposizione.

IMU 2020 - Aliquote - Normativa


Installazione di impianti pubblicitari TEMPORANEI


Documenti allegati:
Installazione di impianti pubblicitari


Pubblicità e affissioni

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI
 
Presupposto dell'imposta
Il presupposto dell'imposta comunale sulla pubblicità è la diffusione di messaggi pubblicitari effettuata attraverso forme di comunicazione visive o acustiche, in luoghi pubblici o aperti al pubblico o che sia da tali luoghi percepibile.
Ai fini dell'imposizione si considerano rilevanti i messaggi diffusi nell'esercizio di una attività economica allo scopo di promuovere la domanda di beni o servizi, ovvero finalizzati a migliorare l'immagine del soggetto pubblicizzato.
Per luoghi pubblici si intendono le vie, le piazze, i giardini pubblici e le aree comunque aperte al pubblico passaggio o a cui chiunque può accedere in ogni momento senza limitazioni o condizioni.
Per luoghi aperti al pubblico si intendono i locali e le aree che siano destinati a pubblici spettacoli, a pubblici esercizi, ad attività commerciali o ai quali, comunque, chiunque può accedere soltanto in certi momenti o adempiendo a speciali condizioni poste da chi nel luogo medesimo eserciti un diritto od una potestà.

 
Soggetto passivo
Soggetto passivo dell'imposta sulla pubblicità, tenuto al pagamento in via principale, è colui che dispone a qualsiasi titolo del mezzo attraverso il quale il messaggio pubblicitario viene diffuso.
E' solidalmente obbligato al pagamento dell'imposta colui che produce o vende la merce o fornisce i servizi oggetto della pubblicità.

 
Modalità di applicazione e riscossione dell'imposta
L'imposta sulla pubblicità si determina in base alla superficie della minima figura piana geometrica in cui è circoscritto il mezzo pubblicitario indipendentemente dal numero dei messaggi in esso contenuti.
Il servizio per l'accertamento e la riscossione dell'imposta comunale sulla pubblicità è gestito, dall'1.1.2011, in concessione dalla Società  M.T. S.p.A. con sede operativa in CARMAGNOLA (TO),  Via G. Leopardi n. 11 Tel. 011/9716353 – 011/9713977 -  Fax 011/9720908 – E-mail: carmagnolatributi@maggioli.it al quale bisogna presentare le dichiarazioni prima di iniziare la pubblicità ed in favore del quale effettuare il versamento dell'imposta.
Per conoscere la disciplina della varie forme di pubblicità, le riduzioni e le esenzioni di imposta previste, consultare il Regolamento per l'imposta comunale sulla pubblicità 
Acrobatpdf piccola tariffe (17,9 KB) Approvate, per l'anno 2019, con deliberazione della G.C. n. 5 del 17.01.2019 

Diritto sulle pubbliche affissioni
Il servizio delle pubbliche affissioni é inteso a garantire specificatamente l'affissione a cura del Comune, in appositi impianti a ciò destinati, di manifesti di qualunque materiale costituiti, contenenti comunicazioni aventi finalità istituzionali, sociali o comunque prive di rilevanza economica, ovvero, ove previsto e nella misura stabilita nelle disposizioni regolamentari di cui allo art. 3, del D.Lgs. 507/93, di messaggi diffusi nell'esercizio di attività economiche.

Soggetto Passivo
E' soggetto passivo del diritto sulle pubbliche affissioni colui che richiede il servizio e, in solido, colui nell'interesse del quale il servizio stesso è richiesto.

Pagamento del diritto sulle Pubbliche Affissioni
Il pagamento del diritto sulle pubbliche affissioni deve essere effettuato contestualmente alla richiesta del servizio a mezzo c.c.p. intestato al concessionario Società  M.T. S.p.A. con sede operativa in CARMAGNOLA (TO), Via Cavour, 27/b Tel. 011/9716353 – 011/9713977 -  Fax 011/9720908 – E-mail: carmagnolatributi@maggioli.it.

Relativamente al servizio Pubbliche Affissioni e Pubblicità Temporanea il recapito a cui rivolgersi, a far data dall'1.4.2019, è: 
Mastropasqua  Roberto cell. 3395270964 
Recapito manifesti: Corso C.Battisti  30 – Carignano (TO)
Orari di consegna: dal Lunedì al Venerdì  ore  08,30-10,30  
Per le urgenze contattare direttamente il n. 3395270964

Per le modalità per le pubbliche affissioni nonché per le riduzioni e le esenzioni del diritto, consultare il regolamento per l'imposta comunale sulla pubblicità e diritto sulle pubbliche affissioni.


Definizione agevolata ingiunzioni di pagamento
Il  Comune di La Loggia ha adottato, con atto n. 6 in data 2.2.2017,  il Regolamento per la definizione agevolata delle ingiunzioni di pagamento relative a: ICI, TOSAP, ICP, SANZIONI Codice della Strada, emesse dal 2006 al 2016. 


Documenti allegati:
Regolamento per l'imposta comunale sulla pubblicità
Tariffe - approvate
Regolamento per la definizione agevolata delle ingiunzioni di pagamento


TARI (Tassa sui Rifiuti)

La Legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di Stabilità 2014) ha disposto il riordino del sistema fiscale municipale dei rifiuti mediante l'introduzione, a decorrere dal 1 ° gennaio 2014, dell'imposta unica comunale (IUC), che si compone tra l'altro della componente relativa ai rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Con deliberazione del Consiglio Comunale n° 34 del 22.12.2018 è stato confermato l'affidamento a Covar 14  della gestione del servizio di accertamento e riscossione della TARI.


ECOSPORTELLO COVAR

Palazzo Comunale - piano terra - Via Bistolfi n. 47
Tutti i venerdì dalle ore 8,45 alle ore 12,15 a partire dal 4 settembre 2020.

Per informazioni: 
Numero verde COVAR 800.639.639 da cell. 011.96.98.800 - costo a carico dell'utente
Servizio Tributi tel. 011-9629566

Documenti allegati:
Regolamento comunale per l'applicazione della tassa sui rifiuti (TARI)
Regolamento Covar14 per la disciplina della riscossione coattiva della TIA a mezzo di ingiunzione fiscale
Emergenza sanitaria: Contatti telefonici e indirizzi mail degli Ecosportelli


   Aree Tematiche
Comune di La Loggia - Via L. Bistolfi, 47 - 10040 La Loggia (TO)
  Tel: 011.9627265   Fax: 011.9937798
  Codice Fiscale: 84500810019   Partita IVA: 02301970014
  P.E.C.: protocollo.laloggia@legalmail.it
Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.Maggiori informazioni.